Ultime Ricette
Loading...

Sui passi di Don Matteo

Share on Google Plus


Nei ultimi tempi le info varie su internet  sono piu dei bluff che una notizia vera.Prendendo info su vari blogger sono partita con mio findanzato a Spoleto per vedere in azzione Don Matteo.
Siamo alloggiati a Gubbio un giorno prima per vederlo e per seguire i passi è gli sentieri dove è girato quell telefilm che per me e molto caro lo vedo e rivedo e non mi anoi mai.
La ospitaliatà era davero incredibile anche se i egubini erano un po'delusi perche i film non si gira più li.
Gubbio una citta meravigliosa ,tutta di pietra e di "matti".Era un spetacolo che non si deve perdere a vedere turisti che si giravano tre volte intorno alla fontana del Bargello, detta “fontana dei matti”. Alla fine del 3° giro si deve esser battezzati con uno spruzzo dell’acqua della fontana acquistando così la cittadinanza onoraria di Gubbio, cioè la patente da matto.Ma ti devvespruzzare un eugubino per essere battezato"matto.
Dalla fontana salendo si raggiunge Piazza Grande dove é anche il  Palazzo dei Consoli realizzato in stile gotico, testimonia l’importanza raggiunta da Gubbio in epoca medievale. È sede del museo civico e custodisce alcuni reperti archeologici rinvenuti nei dintorni. Fra questi, le Tavole Eugubine, sette tavole bronzee datate fra il III e il II secolo a.C.
 E da Piazza Grande si vede questo spetacolo.
  Nel 1321 gli eugubini decidono di costruire due nuovi palazzi pubblici in sostituzione dell’antica residenza comunale i Palazi Municipali che nel film e la caserma dei carabinieri.

Poi non poteva mancare lei la Chiesa di S. Giovanni (chiesa di Don Matteo :) I giovani si sedevano li fin nel tarda note a sentire la musica che veniva fuori dai locali notturni opure dai artisti di strada.



A Gubbio anche il mangiar bene fa parte di una lunga tradizione. La cucina eugubina, genuina e semplice, utilizza in prevalenza prodotti tipici locali: carni da pascoli montani, cacciagione, formaggi e insaccati, insalate campagnole di varie qualità di erbe, olio di oliva e vini pregiati delle zone collinari, acque minerali della fascia appenninica (alcune delle quali con particolari proprietà terapeutiche). I piatti sono quelli di una volta, realizzati con vecchi sistemi: gli arrosti alla brace, le tagliatelle corpose, la ‘crescia di Pasqua’ al formaggio e la ‘crescia al panaro’, gustosissima quest’ultima con gli affettai locali e con il friccò (di agnello, anatra, pollo e coniglio)
Io ho assagiato un pito tipico che viene chiamato il Piattone del Re che venie servito al Osteria dei Re 
Gubbio viene definita anche come la citta del tartufo e li trovave delle guide alla ricerca di tartufo e vari guide gastronomice come riconoscherlo,cucinarlo e gustarlo.
Un vicolo a Gubbio
A mattina presto siamo direti verso Spoleto e dopo lunge passegiate a cercare il setdi riprese a "caccia di lui siamo fermati a gustare una zuppa del paese fatta con cereali misti e la pasta tradicionale di loro gli stringozzi alla Spoletina e Crescionda Poi di nuovo in giro e siamo  fermati nel monumento simbolo del Spoleto, Ponte dei Torri Construita nel 200 e fin nel secolo succesivo.
Spoleto e una terra di grande ricchezze mai scoperte prima.... ha scrito in una cartolina  a sua moglie i scrittore Hermann Hesse.Ma dell' Ponte dei Torri si sono innamorati molto artisti tra cui Goethe che la descrito in un suo libro e anche il pittore inglese Turner.
Dedica di Goethe a Spoleto
Poi abiamo visitato il Duomo di Spoleto e cosi via, li altri monumenti.


Fontana del Mascherone
 Ci ritornerò per vedere li altri paesi vicini e le cantine di vino e di olio d'oliva a Montefalco e chi sa' la prossima volta ho la fortuna di prendere un autografo da Don Matteo.
Montefalco 

 A presto.... :)

You Might Also Like

0 commenti

ABOUT



Salve, mi chiamo Uarda Shahinaj ma tutti mi chiamano Ada e quindi Adda's All da dove prende spunto anche il nome del mio amato blog dove ogni giorno condivido la cucina di casa mia, il mio mondo, un po di me. Io sono albanese e mi scuso in anticipo con voi per gli errori che faro nella scrittura. Nella mia lingua scrivo di cibo per alcune riviste e siti albanesi. E tutta questa passione e amore per il cibo ha dato vita ad un sogno, il mio libro #jetodashuroushqehu che in italiano il titola fa, Vivi, ama, mangia.
Per il sito in lingua albanese visitate www.addasall.com


Blog Archive